Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

LICEO LINGUISTICO ESABAC AL "PRIMO LEVI"

Da quest’anno è attivo presso il Liceo Linguistico per gli alunni che hanno scelto come seconda lingua il Francese, a partire dal 3° anno, il Progetto ESA-­‐BAC (Progetto di eccellenza) che consente, tramite un accordo Italia-Francia, il rilascio del diploma dell’esame di Stato in doppia lingua, valido in entrambi i paesi, compresi quelli francofoni, a seguito di un esame finale integrato da specifiche prove di competenza, sia scritte che orali.

Il percorso prevede due ore settimanali di Storia,fatta in Francese, oltre le 4 ore di Lingua e letteratura francese, già previste nell’indirizzo. Il tutto con la compresenza di un docente di madre lingua Francese, come previsto dall’orario curricolare.

Tale progetto, molto utile e vantaggioso, permette di iscriversi subito ad Università e Grandes Ecoles francesi e francofone e di reperire possibilità occupazionali in Francia, Canada, Belgio, Lussemburgo…. 

Programma di lingua e letteratura italiana e francese per il rilascio del doppio diploma ESABAC (Esame di Stato e baccalauréat)

Il percorso di formazione integrata previsto per il doppio rilascio del diploma dell’Esame di Stato e del baccalauréat si colloca nella continuità della formazione generale, nell’ottica di un arricchimento reciproco fra i due Paesi, in una dimensione europea.

Il progetto di formazione binazionale intende sviluppare una competenza comunicativa basata su conoscenze e abilità linguistiche e favorire l’apertura alla cultura dell’altro attraverso l’approfondimento della civiltà del paese partner, in particolare nelle sue manifestazioni letterarie, artistiche e storiche. La dimensione interculturale che viene così a realizzarsi contribuisce a valorizzare le radici comuni e, nel contempo, ad apprezzare la diversità.

Per permettere l’acquisizione di questa competenza così complessa, il percorso di formazione integrata stabilisce le relazioni fra la cultura francese e quella italiana facendo leva, in particolare, sullo studio delle opere letterarie poste a confronto. In quest’ottica vengono presi in considerazione i testi fondanti delle due letterature, patrimonio essenziale per poter formare un lettore esperto, consapevole delle radici comuni delle culture europee.

I contenuti si articolano in due versanti tra di loro strettamente correlati, quello linguistico e quello letterario.

PRIMO VERSANTE: LINGUISTICO 

Finalità

Lo studio della lingua Francese/Italiana, nella prospettiva del rilascio del doppio diploma, è volto a formare dei cittadini che siano in grado di comunicare al livello di competenza di “utilizzatore indipendente”in questa lingua (livello B2 del QCER) e di comprenderne l’universo culturale, che si è costruito nel tempo.

Obiettivi

In relazione al QCER (Quadro comune europeo di riferimento per le lingue), il livello di competenza linguistica richiesto per gli alunni che vorranno ottenere il rilascio del doppio diploma ESABAC alla fine del percorso di formazione integrata è: B2.

Competenza linguistico-­‐comunicativa di livello B2:

L’allievo è in grado di comprendere le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti che astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione. E' in grado di interagire con relativa scioltezza e spontaneità tanto che l'interazione con un parlante nativo avviene senza eccessiva fatica e tensione. Sa produrre testi chiari e articolati su un'ampia gamma di argomenti e esprimere un'opinione su un argomento di attualità, esprimendo i pro e i contro delle diverse opzioni.

Competenze interculturali

L’allievo è in grado di:

STABILIRE relazioni fra la cultura di partenza e quella del Paese partner;
RICONOSCERE le diversità culturali e  mettere in atto le strategie adeguate per avere contatti con persone di altre culture;
RICONOSCERE gli stereotipi ed evitare comportamenti stereotipati;
ORIENTARSI nel patrimonio culturale relativo alla DNL (disciplina non linguistica: Storia) e padroneggiarne le nozioni essenziali.

In considerazione delle esigenze sopra elencate, è auspicabile che l’allievo, in entrata nella classe di seconda in Francia e nel secondo biennio in Italia (inizio del percorso di formazione integrata), abbia raggiunto almeno il livello B1 del QCER.  

SECONDO VERSANTE: LETTERARIO

Finalità

Il percorso di formazione integrata persegue lo scopo di formare un lettore autonomo in grado di porre in relazione le letterature dei due Paesi, in una prospettiva europea e internazionale.
Tale percorso sviluppa la conoscenza delle opere letterarie più rappresentative del paese partner, attraverso la loro lettura e l’analisi critica.
Il docente sviluppa percorsi di studio di dimensione interculturale per mettere in luce gli apporti reciproci fra le due lingue e le due culture.
Inoltre, il docente lavora in modo interdisciplinare, in particolare con il docente d’italiano e della disciplina non linguistica (storia).

Obiettivi

  • Lo studente, al termine del percorso di formazione integrata, è in grado di:
  • PADRONEGGIARE la lettura di differenti tipi di testi;
  • PRODURRE testi scritti di vario tipo, padroneggiando i registri linguistici;
  • CONDURRE un’analisi del testo articolata secondo le funzioni jakobsoniane e mettendo in evidenza le funzioni semantica e retorica.
  • Il docente nello sviluppo del percorso di formazione integrata si pone come obiettivo di:
  • SVILUPPARE in modo equilibrato le competenze orali e scritte, attraverso l’esercizio regolare e sistematico delle attività linguistiche di ricezione, produzione e interazione;
  • PREVEDERE una progressione e una programmazione degli apprendimenti in un’ottica unitaria e di continuità nel corso del triennio;
  • DIVERSIFICARE al massimo le attività (dibattiti, relazioni, utilizzo delle TIC per la ricerca, la documentazione e la produzione, analisi del testo, etc.)
  • PROPORRE itinerari letterari costruiti intorno a un tema comune alle due letterature, collegando le differenti epoche, mettendo in evidenza gli aspetti di continuità, frattura, ripresa e facendo emergere l’intertestualità;
  • SVILUPPARE l’analisi dei testi inquadrandoli nel contesto storico, sociale, culturale e cogliendone il rapporto con la letteratura del paese partner;
  • EVIDENZIARE il rapporto fra la letteratura e le altre arti, comprese le nuove manifestazioni artistiche.

BREVE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO ESABAC IN "PDF"